Terza giornata di campionato: Campodarsego batte Adria 3-2, prestazione comunque buona

10624688_102038905151748_n

Terza giornata del campionato di Prima Divisione maschile per Adria Volley. La squadra guidata da Stefano Stocco si è trovata di fronte un avversario non semplicissimo da dominare ma, dopo lo smacco dello scorso venerdì contro il G.s. S. Angelo a Santa Maria di Sala, la prestazione è considerabile comunque buona.
Primo set vinto abbastanza facilmente dai padroni di casa: l’avversario è in panne. Tantissimi sono gli errori da parte dei padovani, la maggior parte dei quali in battuta. I polesani si aggiudicano la frazione dimostrandosi decisamente più lucidi e decisi nelle azioni di gioco.

Il secondo set è, all’inizio, quasi una copia del primo, con il Campodarsego che non riesce a uscire dal vortice negativo che l’aveva “imprigionato” nel primo set. La situazione poco dopo però cambia; la frazione si gioca quindi punto su punto, con il gruppo di Stocco che prende il largo verso la fine lasciandosi però raggiungere nuovamente nell’ultima parte. Dopo metà set entra Varagnolo in sostituzione di Ballarin, consentendo a quest’ultimo di riposarsi dopo alcune imprecisioni. Adria porta a casa il set per 28-26, anche grazie a molti recuperi preziosi che hanno procurato maggiore carica a livello fisico e mentale.

Nel terzo set la situazione cambia radicalmente: Il Campodarsego parte in netto vantaggio, e i polesani cadono in balia di disattenzioni continue, sopratutto in difesa. Gli errori in attacco sono parecchi, e i muri contro l’avversario sono quasi assenti. Al 14-8, sei sono i punti consecutivi che adria si vede sottrarre. I cambi effettuati da Mazzetto danno nuova linfa alla squadra e il set si conclude con poche azioni positive da parte dell’Adria, complice anche il nervosismo instauratosi tra gli atleti dopo i ripetuti errori.

La quarta frazione ripete il copione della precedente, con i padovani che staccano l’Adria nei primi punti. Entra di nuovo Varagnolo verso fine set al posto di Ballarin, e Tasso sostituisce un nervoso Fregnan. La situazione però non si sblocca e la squadra di Stocco continua a rimanere in svantaggio, a causa di una lentezza estrema in difesa e valutazioni sbagliate su battute e attacchi avversari. Entra anche Siviero per Ferrari, ma la squadra di Mazzetto ha ormai posto un’ipoteca sul set, che si chiude sul 16-25 a loro favore.

Nel quinto set la situazione è molto combattuta: da una condizione di parità iniziale Adria riesce a mandare in di nuovo in difficoltà l’avversario; superandolo sul 4 a 2. Entra di nuovo Siviero, si distingue anche Franzoso per le buone ricezioni che consentono altrettanto buoni attacchi. Il centrale avversario però non lascia un minuto di tregua e sferra muri in continuazione. Non c’è scampo nemmeno sul suo attacco, il muro al centro è abbastanza inefficace. Sul 7 a 10 il capitano avversario, Battiston, esegue un recupero prodigioso su un punto che sembrava assolutamente perso. Adria rigioca, l’avversario difende bene ma una doppia del loro palleggiatore rende vano lo sforzo precedente. Dal 10 pari il set si gioca sul filo del rasoio, la tensione è palpabile ed entrambe le formazioni, nonostante le quasi 2 ore di gioco, riescono a mantenere i nervi saldi. Un’errore in battuta di Zorzan sull’ultimo punto favorisce però il Campodarsego, che porta a casa il match chiudendo il tie-break 15-13.
Il prossimo venerdì sarà la volta della Pallavolo Piovese, attualmente prima in classifica.

PARZIALI 25-20, 28-26, 19-25, 16-25, 13-15

FORMAZIONI:
Adria: Ballarin Marco, Casellato Francesco, De Bei Alessandro, De Grandis Denis, Ferrari Andrea, Ferro Luca, Franzoso Federico, Fregnan Mattia, Siviero Filippo, Tasso Mattia, Toffanello Simone, Varagnolo Michele, Zorzan Stefano.

All. Stocco Stefano

 

Max Music Pub Campodarsego:

Battiston N., Bortolato E., Callegaro D., Callegaro N. G., Fassina M., Frasson A., Marcolongo M., Mezzaro M., Pedon F., Spagnolo F., Zago N.

All. Mazzetto R.

 

Scatti fotografici della partita nella pagina galleria, come sempre a cura di Enrico Fregnan.

Condividi: